Una domenica

a Ivrea

Il club per l’UNESCO di Ivrea ha invitato le associazioni culturali, i musei, le gallerie d’arte e le chiese insieme con le attività commerciali della città a tenere aperto nel pomeriggio della prima domenica del mese a partire dal 2 febbraio.

Origine dell’idea

L’idea è nata dalla giornata UNESCO Famiglie al Museo che permette alle famiglie di usufruire di musei o altre attività commerciali di un’apertura gratuita una volta l’anno, tra fine ottobre e inizio novembre.

In tale occasione il Club per l’UNESCO di Ivrea ha tenuto aperto nel 2018 il Museo Garda (che all’epoca era aperto solo un week end al mese). Successivamente, nel 2018, il Club ha fatto conoscere alla città di Ivrea il Museo Etnologico situato all’interno del cortile di Piazza Ottinetti, e nel 2019 il Museo Diocesano.

Vista l’affluenza di persone e l’interesse suscitato durante tali manifestazioni, si è pensato di estendere la proposta  ad ogni prima domenica del mese.

Le adesioni e le aperture

Come club abbiamo contattato sia via mail, sia di persona e telefonicamente le varie associazioni  e i musei. Hanno dato la loro adesione all’iniziativa

Museo Diocesano
Museo Etnologico
Museo del Carnevale
Galleria d’arte Ferrero
Open Art House di Via San Gaudenzio
Galleria dedicata ad Andrea Bortoli in Via Arduino
Parco della Polveriera
Chiesa di San Bernardino
Duomo della Città (Liceo classico)
Chiesa di San Nicola (Liceo classico)
Sacro Cuore (Liceo classico)
Chiesa di San Gaudenzio (Cruass)

Le chiese avevano dato la loro adesione da maggio in poi per via del riscaldamento.
L’associazione ASCOM aveva aderito all’iniziativa e si era offerta di contattare e invitare le attività commerciali e ricettive a tenere aperto.

Giovedì 30 gennaio abbiamo incontrato le varie associazioni e i negozianti che ci avevano chiesto chiarimenti in proposito e in quell’occasione abbiamo chiarito il fine dell’apertura.

Domenica 2 febbraio è stata la prima occasione di apertura che ha visto  partecipare  il Museo Diocesano, il Museo del Carnevale, il Museo Etnografico, la Galleria Open Art House, la Galleria Ferrero, la galleria dedicata al pittore Andrea Bortoli, il parco della Polveriera e la chiesa di San Bernardino.

Come club abbiamo visitato i luoghi suddetti e abbiamo riscontrato un notevole successo per ciò che riguarda l’afflusso di turisti non solo locali in questi luoghi (per citare dei numeri: 87 visitatori in San Bernardino, 3 gruppi di 10-15 persone al Museo Diocesano e un afflusso notevole nelle altre gallerie e musei). Visto la risposta abbiamo preso accordi per le aperture successive.

Abbiamo inoltre avuto  12.200 visualizzazioni Facebook, 1035 interazione con il post e la nostra nuova pagina facebook ha raggiunto 313 follower: un buon risultato, tenendo conto dei tempi stretti, merito dell’agenzia di comunicazione BwithC che ci segue.

Trattandosi di un work-in-progress continueremo a contattare associazioni e luoghi di interesse che vogliono far parte anche solo periodicamente di questa iniziativa.

Potete trovare tutti gli aggiornamenti seguendo la pagina facebook dedicata all’iniziativa!